Coronavirus

Coronavirus: l’Eurogruppo trova l’accordo tra Mes e Eurobond

Giovedì 9 aprile 2020, raggiunto in tarda serata l’accordo dell’Eurogruppo sul documento conclusivo: si torna a parlare di Mes.

Nelle conclusioni dell’Eurogruppo si legge: “Il solo requisito per accedere alla linea di credito del Mes sarà che gli Stati si impegnino a usarla per sostenere il finanziamento di spese sanitarie dirette o indirette, cura e costi della prevenzione collegata a Covid19. La linea di credito sarà disponibile fino alla fine dell’emergenza”. “Dopo, gli Stati restano impegnati a rafforzare i fondamentali economici, coerentemente con il quadro di sorveglianza fiscale europeo, inclusa la flessibilità“.

Soddisfatti il Ministro dell’Economia Gualtieri e il Commissario all’Economia Gentiloni, decisamente contrari i leader dell’opposizione Salvini e Meloni. Di seguito riportati i commenti dei politici italiani ed europei.

PER AGGIORNAMENTI SEGUICI SU TELEGRAM!

Il Premier Conte

Si attende la diretta del Premier Conte attesa nel pomeriggio di oggi 10 aprile 2020.

 

Nella mattinata del 10 aprile 2020 è arrivato anche il commento del premier Conte, affidato a Twitter.

Io ho una sola parola: la mia posizione e quella del Governo sul MES non è mai cambiata e mai cambierà. Più tardi in conferenza stampa vi aggiornerò su questo e su altre importanti questioni che riguardano il nostro Paese. A più tardi. – Twitta Conte

Il premier italiano si era già espresso sulla questione il 6 aprile durante una conferenza stampa rispondendo alla domanda di una giornalista.

I Politici Italiani

Un pacchetto di dimensioni senza precedenti per sostenere il sistema sanitario, la cassa integrazione, la liquidità alle imprese e il Fondo per un piano di rinascita. L’Europa è solidarietà. – Scrive Gentiloni sempre su Twitter

Non si fanno attendere i commenti dell’opposizione di centrodestra:

Non ci sono gli Eurobond che voleva Conte ma c’è il MES, una drammatica ipoteca sul futuro, sul lavoro e sul risparmio dei nostri figli. Dal 1989 ad oggi l’Italia ha versato all’Europa 140 miliardi, ora per averne a prestito 35 ci mettiamo nelle mani di un sistema di strozzinaggio legalizzato. Oltretutto, senza nessun passaggio in Parlamento. – Scrive Salvini in un post rilanciato su tutti i social legati alla Lega
Il ministro Gualtieri ha firmato per attivare il Mes, niente Eurobond e Italia messa sotto tutela. Alla fine hanno vinto i diktat di Germania e Olanda, il Governo in questi giorni ha fatto finta di alzare la voce ma, tanto per cambiare, si è piegato ai dogmi nordeuropei.  – Scrive la Meloni su Facebook accusando il Governo di alto tradimento

Tweet dall’Europa

Abbiamo avuto ragione ad avere fiducia nell’Europa. Le proposte formulate dell’Eurogruppo vanno nella giusta direzione, con la trasformazione del Mes in ‘Salva Europa’ dall’epidemia Covid-19, da usare subito per aumentare le capacità delle nostre strutture sanitarie, ospedali e centri di ricerca. – David Sassoli, Presidente del Parlamento Europeo

I Paesi Bassi erano e rimangono contrari all’idea degli Eurobond, pensiamo che creerebbero più problemi che soluzioni per l’Europa.Dovremmo garantire i debiti di altri paesi che non sono ragionevoli. La gran parte dell’Eurogruppo condivide questa visione e non supporta gli Eurobond.

Dobbiamo fare un’eccezione e il MES può essere utilizzato incondizionatamente per coprire i costi medici. Per il sostegno economico a lungo termine riteniamo ragionevole combinare l’uso del MES con determinate condizioni economiche. – Wopke Hoekstra, Ministro delle Finanze olandese

Ottimo accordo tra i ministri delle finanze europei sulla risposta economica al Coronavirus: 500 miliardi di euro disponibili immediatamente. – Bruno Le Maire, Ministro dell’Economia francese

Abbiamo raggiunto un buon accordo nel Eurogruppo, con una tripla rete di sicurezza per lavoratori, imprese e stati nella lotta contro Covid-19. – Nadia Calviño, vicepresidente agli affari economici spagnola

 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*