Fiducia

Ultimo Sondaggio Tecnè: gli italiani e le grandi opere

Sul tema delle grandi opere le fazioni politiche della maggioranza hanno pareri discordanti e sembra difficile l’accordo tra 5 stelle e Lega.

Per quanto riguarda Toninelli (M5s), Ministro dei trasporti, diverse delle così dette grandi opere in programma andrebbero riviste per fare un’accurata analisi dei costi e dei benefici che comporterebbero. Gronda a Genova, Pedemontana in Veneto, il Passante di Bologna e Firenze sono alcune di queste, fino ad arrivare alla tav tra Torino e Lione (in Francia) che è quella che ha destato maggiori contrasti nella maggioranza, e la mobilitazione dell’opposizione e della popolazione in favore della sua realizzazione.

In questo contesto si inserisce l’ultimo sondaggio di Tecnè srl che pone due quesiti agli italiani.

PER RIMANERE SEMPRE INFORMATO SULLE NOTIZIE DELLA POLITICA ITALIANA SEGUI IL CANALE TELEGRAM (LINK)

Le opere infrastrutturali in fase di realizzazione

Secondo il 60% degli intervistati le grandi opere già in fase di realizzazione, come la Tav in Val di Susa, dovrebbero andare avanti, completando la realizzazione al più presto. Il 31% afferma di essere favorevole a una valutazione sull’effettiva utilità e sui costi/benefici prima di proseguire. Il restante 9% non ha un’opinione in merito.

Le grandi opere: favorevoli e contrari

Riguardo alle grandi opere in generale il 58% degli intervistati è favorevole e pensa siano indispensabili per rendere il Paese più moderno e competitivo, per il 33% sono uno spreco di soldi e ci sono altre priorità e il restante 9% è senza opinione.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*